CHEMICAL BROTHERS

CHEMICAL BROTHERS FOTO

CHEMICAL BROTHERS

Lo stesso gusto musicale è il motivo che spinge, nel 1989, Tom Rowlands e Ed Simmons due studenti di storia all’Università di Manchester a formare un duo di DJ chiamato The Dust Brothers. Il nome celebra l’omonimo team di produzione americano famoso per aver prodotto, tra gli altri, i Beastie Boys e in tempi più recenti Beck. Sei anni più tardi il duo, proprio a causa dell’azione legale a loro intentata dai colleghi d’oltreoceano, è costretto a cambiare nome in Chemical Brothers. Il loro raggio d’azione è quello dei giradischi, a cui associano suoni di tastiere Roland, campionatori, distorsori, macchine, con cui modificano e rinnovano la tradizione dell’indie dance iniziata a Manchester da Happy Mondays e Stone Roses. Spingendosi oltre la formula pop, con in testa la lezione dei citati Dust Brothers e ispirandosi a Justin Robertson, uno dei Dj più famosi dell’epoca danno prima vita a un loro set (Naked Under Leather) e poi, lasciando da parte le velleità indie post ‘baggy’ (fanno parte del gruppo pop Ariel), nel 1992, incidono Song To The Siren. Nel 1993 i Dust Brothers realizzano decine di remix e lavorano come Dj all’ormai mitico Sunday Social Club di Tummills, a Londra. Poi, all’inizio del 1994, arriva l’album THE 14TH CENTURY SKY (1), un EP che lentamente diventa un hit di culto. Dopo l’altro EP MY MERCURY MOUTH (2) il duo inizia a esibirsi dal vivo e alla fine del 1994 vengono scelti come DJ di apertura per gli show dei Primal Scream. Nel 1996 i Dust Brothers diventano Chemical Brothers e firmano un contratto con la Virgin che frutta il singolo Leave Home, a cui segue immediatamente il primo album EXIT PLANET DUST (3).  

Quest’ultimo è sicuramente dominato dal marchio dei due componenti del gruppo, ma l’apparizione alla voce di Beth Orton nella lenta Alive: Alone e il carneo di Tim Burgess dei Charlatans nel singolo Life Is Sweet aprono nuove direzioni musicali. I Chemical Brothers impiegano buna parte del 1996 nella realizzazione dell’album DIG YOUR OWN HOLE (5). Nell’autunno il duo torna con il singolo Setting Sun, un brano scritto con Noel Gallagher degli Oasis. L’album DIG YOUR OWN HOLE (5) dei Chemical Brothers è pubblicato nell’aprile 1997 e viene accolto da recensioni entusiastiche, debutta al primo posto della classifica inglese e raggiunge il numero quattordici di quelle americane. 

 

DISCOGRAFIA DI THE DUST BROTHERS:

(1) THE 14TH CENTURY SKY (Junior Boy’s Own 1994 GB) EP

(2) MY MERCURY MOUTH (Junior Boy’s Own 1994 GB) EP

 

DISCOGRAFIA DI CHEMICAL BROTHERS:

 (3) EXIT PLANET DUST (Virgin 1995 GB)

(4) LOOPS OF FURY (Virgin 1996 GB) EP

(5) DIG YOUR OWN HOLE (Virgin 1997 GB)

 

RIFERIMENTI A CHEMICAL BROTHERS:

(6) ARTISTI VARI / WIPE OUT 2097 (Virgin 1996 GB)

 

FORMAZIONE DI CHEMICAL BROTHERS:

Tom Rowlands: v, synth, progr / Ed Simmons: v, synth, progr.

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...