CROSBY, STILLS & NASH

CROSBY, STILLS & NASH FOTO

CROSBY, STILLS & NASH

Crosby, Stills & Nash affrontano il terzo decennio di attività in evidente stasi creativa, come ribadisce il nuovo album dai tempi di American Dream (1988). Infatti l’album Live It Up (1) è un malcelato tentativo di easy listening radiofonico, che peraltro non regala ai tre musicisti particolari soddisfazioni commerciali. Meglio va con l’operazione di amarcord dell’album Crosby, Stills & Nash (2), a cui Crosby, Stills & Nash fanno seguire una lunga tournée acustica in giro per il mondo. Per un nuovo album bisogna attendere il 1994, anno che conta anche la partecipazione dei Crosby, Stills & Nash al remake di Woodstock, quando viene pubblicato l’album After The Storm (3), che si muove sulla falsariga del lavoro precedente ma con spunti compositivi sicuramente superiori.

Gli unici a far parlare di sé a livello solista sono Stephen Stills e David Crosby. Il primo pubblica l’album Stills Alone (7), opera interamente acustica che alterna cover e originali, mentre Crosby, nonostante alcuni acciacchi (nel 1993 deve affrontare anche un’operazione al fegato), sembra essere particolarmente attivo. Infatti nel 1990 partecipa alla reunion dei Byrds accanto a Chris Hillman e Roger McGuinn, quindi nel 1993 pubblica il suo terzo disco solista in poco più di vent’anni, A Thousand Roads (4). Accompagnato da ospiti quali Phil Collins, Jackson Browne, Bemie Leadon, Marc Cohn e Jeff Porcaro, il musicista confeziona un’opera gradevole anche se molto edulcorata a livello produttivo. Registrato al Whisky A Go Go di Los Angeles è invece il live It’s All Coming Back To Me Now (5), dove l’ex Byrd ripropone vecchi e nuovi brani, in cui spicca una resa di Almost Cut My Hair in duetto con Chris Robinson dei Black Crowes.

Nel 1997 quindi Crosby, Stills & Nash vengono onorati con l’ingresso alla Rock And Roll Hall Of Fame, anche se sono protagonisti dell’ennesimo colpo di scena della loro carriera: infatti Neil Young, che in un primo momento doveva essere premiato con loro, si rifiuta di condividere il palco con i vecchi compagni.

 

DISCOGRAFIA DI CROSBY, STILLS & NASH:

(1) Live It Up (Atlantic 1990 USA)

(2) Crosby, Stills & Nash (4CD Atlantic 1991 USA) ant. con inediti

(3) After The Storm (Atlantic 1994 USA)

 

David Crosby

(4) A Thousand Roads (Atlantic 1993 USA)

(5) It’s All Coming Back To Me Now (Atlantic 1994 USA) live

(6) In Concert: King Biscuit Flower Hour (KBFH 1996 USA) live

 

Stephen Stills

(7) Stills Alone (Vision 1991 USA)

 

RIFERIMENTI A CROSBY, STILLS & NASH:

(8) Hollies / Epic Anthology (Epic 1990 USA) ant.

(9) Hollies / All Time Greatest Hits (Capitol 1990 USA) ant.

(10) Artisti Vari / RED, Hot & Country (Mercury 1994 USA)

(11) Artisti Vari / Not Fade Away (Remembering Buddy Holly) (Decca 1996 USA)

 

Nota: (6) riporta un concerto tenuto a Philadelphia nell’aprile 1989.

(10) Teach Your Children insieme a Suzy Bogguss, Alison Krauss e Kathy Mattea.

In (1Ì) Peggy Sue Got Married, che vede impegnati gli Hollies, con Graham Nash in formazioni, insieme alla voce campionata di Buddy Holly.

 

FORMAZIONE DI CROSBY, STILLS & NASH:

David Crosby: v, ch / Stephen Stills: v, ch / Graham Nash: v, ch.

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...