DE LA SOUL

DE LA SOUL FOTO

DE LA SOUL

I De La Soul si formano sul finire degli anni Ottanta quando Posdnous (vero nome Kelvin Mercer, n. 1969, USA), Trugoy The Dove (vero nome David Jude Joliceur, n. 1968, USA) e Pacemaster Mase (vero nome Vincent Mason, n. 1970, USA) frequentano high school. Un loro demo tape finisce tra le mani di Paul Prince dei Stetsasonic (uno dei primi gruppi hip-hop a guardare al jazz) che aiuta i De La Soul a trovare un contratto presso la Tommy Boy. Quando, nella primavera 1989, esce il loro album di debutto 3 FEET HIGH AND RISING (1), i De La Soul vengono definiti come il futuro dell’hip hop. Il suono dei De La Soul è più gentile ed eclettico di quello delle precedenti produzioni rap. Il trio non solo prende dal funk e dal soul, ma anche da pop, jazz, reggae e dalla psichedelia. Per i testi che predicano pace e amore, rispetto per le donne, autocoscienza nera, vari critici e addetti ai lavori etichettano il gruppo come neo hippie. Inoltre vengono accreditati della nascita della cosiddetta daisy age, un modo più morbido di interpretare l’hip hop, nel quale invece di incitare alla violenza si trasmettono messaggi positivi e si propaganda la cultura di Madre Africa. Se, come detto, la formula musicale è diversa dal resto dei progetti hip-hop, i De La Soul stupiscono anche per la natura dei loro campionamenti: Steely Dan, Parliament, Curiosity Killed The Cat

Con apparizioni cameo di membri delle altre band della Native Tongue Posse (A Tribe Called Quest, Jungle Brothers e Queen Latifah) sembra che l’album 3 FEET HIGH AND RISING (1) riesca a eclissare V hardcore hip hop in termini di popolarità, ma, dopo il successo di Me Myself And I e The Magic Number, entrambi contenuti nell’album 3 FEET HIGH AND RISING (1), i De La Soul con il disco DE LA SOUL IS DEAD (2), più oscuro, arrabbiato e depresso del predecessore, subiscono un notevole ridimensionamento in termini di prospettive commerciali. Nonostante hit single Saturdays, l’album DE LA SOUL IS DEAD (2) passa inosservato, così come poco successo riscuotono gli album BUHLOONE MINDSTATE (3) e STAKES IS HIGH (4); quest’ultimo è un disco minimale che chiude definitivamente la brillante stagione della ‘Daisy Age’. 

 

DISCOGRAFIA DI DE LA SOUL:

(1) 3 FEET HIGH AND RISING (Tommy Boy 1989 USA)

(2) DE LA SOUL IS DEAD (Tommy Boy 1991 USA)

(3) BUHLOONE MINDSTATE (Tommy Boy 1993 USA)

(4) STAKES IS HIGH (Tommy Boy 1996 USA)

 

RIFERIMENTI A DE LA SOUL:

(5) ARTISTI VARI / JUDGEMENT NIGHT (Columbia 1993 USA) col. son.

(6) ARTISTI VARI / AMERIKA IS DYING SLOWLY (EastWest 1996 USA)

 

FORMAZIONE DI DE LA SOUL:

Pacemaster Mase: dj / Posdnous: v / Trugoy The Dove: v.

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...