BOB GELDOF

BOB GELDOF

Dopo il deludente DEEP In THE HEART Of NOWHERE (1984), Bob Geldof (n. 1952, IRL) torna con un nuovo lavoro solista nel 1990. L’album THE VEGETARIANS OF LOVE (1) ha un approccio decisamente più legato alla musica folk di tradizione irlandese ed è per lo più costituito da brani acustici, suonati con strumenti quali violino e fisarmonica. Spicca The Great Song Of Indifference, discreto successo commerciale a livello di singolo. Il successivo l'album THE HAPPY CLUB (2) si differenzia per il maggior eclettismo di stili musicali, anche se tutto sommato i brani non brillano per particolare originalità. Nel 1994 il gruppo italiano Modena City Ramblers incide una cover in dialetto emiliano di The Great Song Of Indifference sull’album d’esordio di Bob Geldof. Una nuova versione del disco, l'album RIPORTANDO TUTTO A CASA (4), comprende un brano in più, Il Bicchiere Dell’Addio, alla cui incisione prende parte lo stesso Bob Geldof. 

 

DISCOGRAFIA DI BOB GELDOF:

(1) THE VEGETARIANS OF LOVE (Atlantic 1990 USA)

(2) THE HAPPY CLUB (Polydor 1993 GB)

(3) GREAT SONGS OF INDIFERENCE: THE BEST OF BOB GELDOF & BOOMTOWN RATS (Sony 1997 GB) ant.

 

RIFERIMENTI A BOB GELDOF:

(4) MODENA CITY RAMBLERS / RIPORTANDO TUTTO A CASA (PolyGram/Black Out 1994 ITA)

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...