TRILOK GURTU

TRILOK GURTU

Il percussionista di Bombay Trilok Gurtu (n. 1951 India) si avvicina alla musica grazie alla madre, e cantante, Shobha (di cui produrrà, nel 1990, SHOBHA GURTU). Trilok Gurtu inizia a suonare la tabla, tipico strumento percussivo della tradizione indiana, ma l’interesse per la musica occidentale (Jimi Hendrix, James Brown, The Supremes) lo porta verso un progressivo allargamento del proprio set di percussioni.

Nel 1973 Trilok Gurtu si trasferisce in Europa. Tornato in India, Trilok Gurtu si sposta negli Stati Uniti (1976) per poi tornare definitivamente nel Vecchio Continente. Qui Trilok Gurtu viene in contatto con musicisti del calibro di Don Cherry, Shankar, Jan Garbarek e Zakir Hussain, guadagnandosi in seguito un’ottima reputazione come sostituto dello scomparso Colin Walcott negli Oregon (1984). Quattro anni dopo, in occasione di un festival jazz, Trilok Gurtu incontra il chitarrista John McLaughlin. L’incontro è tanto fruttuoso da fruttare a Gurtu la permanenza per alcuni anni nel John McLaughlin Trio, con il quale entra in sala di registrazione e si imbarca in tour mondiali.  

Nel 1981 il batterista inizia la collaborazione con la tedesca Cmp, partecipando all’album PERSONAL NOTE di Mark Nauseef. Il debutto da solista avviene invece con l'album USFRET (1), che ospita la madre Shobha Gurtu, Ralph Towner, Don Cherry, Shankar, Jonas Hellborg ed il tastierista Daniel Goyone. Quest’ultimo diventa membro fisso della band di Gurtu, e partecipa all’incisione dll'album LIVING MAGIC (2), che brilla per versalità e per le notevoli presenze di Jan Garbarek e Nana Vasconcelos.

Per il pregevole l'album CRAZY SAINTS (3), invece, Trilok Gurtu si avvale della collaborazione di Joe Zawinul e Pat Metheny, confermando al tempo stesso la propria fama di talentoso batterista. Dal successivo l'album BELIEVE (4), che contiene alcuni notevoli esempi di tecnica percussiva pirotecnica, emerge un invidiabile affiatamento all’interno della band, formata, oltre che da Goyone, dal bassista vietnamita-danese Chris Minh Doky e dal chitarrista statunitense David Gilmore. Lo stesso affiatamento anima l'album BAD HABITS DIE HARD (5), registrato nell’ottobre ’95 a Colonia, Germania, con Bill Evans come special guest, mentre l'album THE GLIMPSE (6) conferma Trilok Gurtu come talento obliquo, capace di raccogliere e rielaborare con grande maestria suoni e suggestioni dai cinque continenti. In Italia, il percussionista si fa notare in più occasioni: come solista, al seguito del cantautore Ivano Fossati e in concerto in duo con Joe Zawinul.

 

DISCOGRAFIA DI TRILOK GURTU:

(1) USFRET (Cmp 1988 GER)

(2) LIVING MAGIC (Cmp 1991 GER)

(3) CRAZY SAINTS (Cmp 1993 GER)

(4) BELIEVE (Cmp 1995 GER)

(5) BAD HABITS DIE HARD (Cmp 1996 GER) live

(6) THE GLIMPSE (Cmp 1997 GER)

 

RIFERIMENTI A TRILOK GURTU:

(7) JOHN MCLAUGHLIN TRIO / QUE ALGERIA (Verve 1991 USA)

(8) ARTISTI VARI / CMPLER 2 (Cmp 1992 GER)

(9) JOE ZAWINUL / MY PEOPLE (Escapade 1992 USA)

(10) BOYZ II MEN / COOLEYHIGHHARMONY (Motown 1993 USA)

(11) JACK BRUCE / SOMETHIN’ ELSE (Cmp 1993 GER)

(12) FREDY STUDER / SEVEN SONGS (Intuition 1993 USA)

(13) ARTISTI VARI / FOLK (Friedman/Fairfax 1994 USA)

(14) LUCY’S FUR COAT / JAUNDICE (Relativity 1994 USA)

(15) JAN GARBAREK / VISIBLE WORLD (Ecm 1995 GER)

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...