BUTCH HANCOCK

BUTCH HANCOCK FOTO

BUTCH HANCOCK

Cresciuto a Lubbock, Texas (città natale di Buddy Holly) George ‘Butch’ Hancock (n. 1945, USA) lega il proprio a nome a doppio filo con il concittadino Joe Ely, che negli anni fa del songbook dell’amico un’inestimabile fonte di ispirazione. Sempre in equilibrio fra interessi artistici di varia natura (pittura, fotografia e architettura), George ‘Butch’ Hancock resta volontariamente ai margini del music business, anche se molti colleghi lo indicano come uno degli autori con più talento in circolazione (compreso Bob Dylan, che si dichiara pubblicamente suo estimatore).

Le prime esperienze le ha assieme ai Flatlanders a inizio anni Settanta (con gli amici Ely e Jimmie Dale Gilmore), anche se restano inedite fino alla pubblicazione dell'album MORE A LEGEND THAN A BAND (7). A metà di quel decennio George ‘Butch’ Hancock si trasferisce definitivamente a Austin, Texas, dove con il passare del tempo viene celebrato quale idolo locale. Lì apre il Lubbock Or Leave It, negozio di memorabilia varie e punto di incontro di artisti del luogo, quindi fonda una propria etichetta discografica, la Rainlight Records. Gli album, che susseguono negli anni, contengono tutti dei classici resi famosi da molti artisti: Wind’s Dominion, West Texas Waltz, 1981: A Spare Odyssey, If You Were A Bluebird (quest’ultima grande successo di Emmylou Harris), Boxcars, She Never Spoke Spanish To Me, sono alcune delle pagine più belle del cantautorato texano, che mostrano un artista erede degli hobo più classici, da Woody Guthrie e Leadbelly fino al primo Bob Dylan.

Quasi sempre accompagnato dal chitarrista Jesse Taylor, pure lui una piccola istituzione in Texas, George ‘Butch’ Hancock giunge sul finire degli anni Ottanta a stabilizzare la propria carriera, tanto che nel decennio successivo pubblica le sue opere più compiute. Prima il live condiviso con Jimmie Dale Gilmore, l'album Two ROADS (2), quindi il disco OWN THE WAY OVER HERE (3), forte di uno dei suoi brani più memorabili, Only Born. Firmato un contratto con la tedesca Glitterhouse, giunge l'album EATS AWAY THE NIGHT (4), dove George ‘Butch’ Hancock recupera alcune pagine del passato (Boxcars, If You Were A Bluebird...) e propone nuovi motivi di particolare intensità (Welcome To The Real World Kid). 

 

DISCOGRAFIA DI BUTCH HANCOCK:

(1) OWN AND OWN (2LP Demon 1989 GB)

(2) Two ROADS (Virgin 1990 AUS) live

(3) OWN THE WAY OVER HERE (Sugar Hill 1993 USA)

(4) EATS AWAY THE NIGHT (Glitterhouse 1994 GER)

 

RIFERIMENTI A BUTCH HANCOCK:

(5) SUPERNATURAL FAMILY BAND / TEXAS INLAWS! (Akashic 1978 USA)

(6) JOE ELY / HONKY TONK MASQUERADE (MCA 1978 USA)

(7) FLATLANDERS / MORE A LEGEND THAN A BAND (Rounder 1990 USA)

(8) JOE ELY / LIVE AT LIBERTY LUNCH (MCA 1990 USA) live

(9) ARTISTI VARI / No. 2 ALIKE TAPES (14CAS Rainlight 1991 USA) live

(10) ARTISTI VARI / PASTURES OF PLENTY: AN AUSTIN CELEBRATION OF WOODY GUTHRIE (Dejadisc 1993 USA) live

(11) ARTISTI VARI / SONGS FROM CHIPPY (Hollywood 1994 USA)

Nota: (2) a nome Butch Hancock & Jimmie Dale Gilmore.

In (5) è presente come musicista e autore di più brani.

In (6) è presente alla voce in una sua composizione, West Texas Waltz.

In (8) un duetto con Joe Ely, If You Were A Bluebird.

(9) cassette che comprendono centoquaranta brani incisi dal vivo ad Austin, Texas, da Hancock con altri artisti.

In (10) Belle Starr, oltre a partecipare al finale collettivo di Goodnight Irene.

(11) è la colonna sonora di uno spettacolo teatrale dove compaiono Hancock, Terry Alien, Jo Caroli Pierce, Robert Earl Keen Jr. e Joe Ely, autori ed esecutori di tutti i brani.

 

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...