LAST POETS

LAST POETS FOTO

LAST POETS

Formatisi nel Malcolm X Day (il 19 maggio) del 1968, i Last Poets prendono nome da un verso contenuto in una poesia del poeta africano Willie Kgositsile. Con il solo accompagnamento di percussioni e le voci di Umar Bin Hassan, Abiodun Oyewole e Jalaluddin Mansur Nuriddin, i Last Poets, tutti rigorosamente di religione musulmana come Malcolm X, sono i primi a unire melodia e canto afroamericano con le dissonanze proprie del free jazz, e ancora oggi si possono considerare i padri ispiratori di tutta la generazione di rapper statunitensi. La reputazione dei Last Poets si basa principalmente sui primi due album, THE LAST POETS del 1970, che include Niggers Are Scared Of Revolution, e THIS IS MADNESS del 1972, ancor oggi riconosciuti come classici del genere. 

Dopo la separazione avvenuta a metà anni Settanta, Umar Bin Hassan e Jalaluddin Mansur Nuriddin tornano sulle strade dei ghetti e delle regioni statunitensi più arretrate. Ben presto Jalaluddin Mansur Nuriddin si trova sotto accusa per rapina a mano armata, compiuta per finanziare alcuni gruppi neri rivoluzionari. Dopo quattro anni scontati in un penitenziario del Nord Carolina, Jalaluddin Mansur Nuriddin toma a New York, dove vive ancor oggi come consulente del distretto scolastico cittadino. Umar Bin Hassan, invece, dopo aver passato anni a combattere il fenomeno della diffusione delle droghe pesanti, si dedica a un’attività di spoken word ispirata alla nuova cultura rap, che trova realizzazione fattiva in JAZZOETRY del 1985, registrato insieme a Abiodun Oyewole. L’album segna il ritomo alla collaborazione fra i membri dei Last Poets dopo la separazione, periodo che fra l’altro ha visto pure un momento particolarmente teso, quando Nuriddin tentò di accoltellare Hassan in seguito all’ennesima disputa sull’uso del nome Last Poets a proposito della reunion di OH! MY PEOPLE del 1985.  

A dimostrazione della riscoperta del gruppo da parte della musica giovanile degli anni Novanta, i Last Poets partecipano nel 1994 a ben tredici date del festival itinerante Lollapalooza. Quindi giunge l’album Holy Terror (3), che porta diversi cambiamenti al loro consolidato stile musicale. Il rapper Grandmaster Melle Mei contribuisce in prima persona all’opera, collaborando anche alla stesura di tre brani (Homesick, Men-tality e Funk), mentre la parte ritmica è garantita da Bootsy Collins e Bemie Worrell, in coppia con il batterista senegalese Aiyb Dieng e il bassista Bill Laswell. Nel disco partecipa anche il ‘re della musica funk’ George Clinton, presente in Black And Strong. A metà 1997 è la volta dell’album Time Has Come (4), che tende a ravvivare ulteriormente il corso musicale del gruppo.

 

DISCOGRAFIA DI LAST POETS:

(1) Freedom Express (Celluloid 1991 USA)

(2) Retro Fit (Celluloid 1992 USA)

(3) Holy Terror (Rykodisc 1995 USA)

(4) Time Has Come (Mouth Almighty/Mercury 1997 USA)

 

RIFERIMENTI A LAST POETS:

(5) Umar Bin Hassan & Abiodun Oyewole / Be Bop Or Be Dead (Axiom/Island 1993 USA)

(6) Bernie Worrell / Pieces Of Woo: The Other Side (CMP 1994 USA)

(7) Liu Sola / Blues In The East (Axiom/Island 1994 USA)

(8) Artisti Vari / Stolen Moments: Red Hot & Cool (GRP 1994 USA)

(9) Abiodun Oyewole / 25 Years (Rykodisc 1996 USA)

 

Nota: in (8) appaiono Umar Bin Hassan. Abiodun Oyewole, Don Babatunde Eaton e lo special guest Pharoah Sanders nel classico dei Last Poets This Is Madness.

 

FORMAZIONE DI LAST POETS:

Jalal Nuriddin: v / Abiodun Oyewole: v tranne (1) / Umar Bin Hassan: v tranne (1) / Sulieman El-Hadi: (1-2) / Nilija: pere (1)

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...