CHRISTY MOORE

CHRISTY MOORE FOTO

CHRISTY MOORE

Osannato dai colleghi connazionali e dall’intero pubblico irlandese quale bandiera musicale della intera Nazione, Christy Moore (n. 1945, IRL) negli anni Novanta ha ancora modo di consolidare questa sua posizione acquisita in più di vent’anni di carriera. Sempre in equilibrio fra canzone politica (si è espresso più volte a favore dell’IRA), musica tradizionale e sperimentazione folk progressive, il musicista si ripresenta con l'album THE CHRISTY MOORE COLLECTION 1981-1991 (1), lavoro assai ricercato nei suoni e nelle atmosfere, dove fra l’altro compaiono ospiti quali Sharon Shannon, Davy Spillane e Jimmy Faulkner. Il repertorio di Christy Moore è quanto mai variegato, capace di citare il suo vecchio eroe Ewan McColl (Green Island e Scapegoats) e i Pogues (addirittura Fairytale Of New York), quanto di trascinanti originali (Welcome To The Cabaret) e di una riuscita collaborazione compositiva con Shane MacGowan (Aisling). Naturalmente il riscontro di vendite è alto, anche se Christy Moore come al solito risulta un personaggio schivo, come dimostrano la vita dimessa che conduce e il modo anticelebrativo con cui si presenta in pubblico, spesso con performance non annunciate in piccoli locali nei posti più sperduti dell’Isola. 

Il seguente album KING PUCK (3) è un’altra prova di grande spessore, dove fra l’altro fa di nuovo comparsa il vecchio amico di Christy Moore e collaboratore Donai Lunny. Rispetto all’opera precedente il tono è meno solare, teso a un discorso folk più oscuro e intimista. Nel disco è inclusa anche Before The Deluge di Jackson Browne, che già era cavallo di battaglia dei vecchi Moving Hearts. La tournée che segue, come al solito rigorosamente solitaria, trova ampio spazio nelle cronache musicali d’Irlanda e viene immortalata sull'album AT THE POINT - LIVE (4), disco dal vivo dalla notevole forza espressiva, dove viene presentato il suo miglior repertorio (dello stesso periodo è anche il film-documentario Christy, anch’esso divenuto un best seller). Forse a voler consolidare il successo dell'album AT THE POINT - LIVE (4), che nella prima settimana di pubblicazione vende ben trecentomila copie, arriva il disco NORTH & SOUTH OF THE RIVER (5). Si tratta di una collaborazione con i due U2 Bono e The Edge, inerente le tristi vicende che da sempre vedono coinvolta l’Irlanda: la riuscita del brano guida non è delle più esaltanti, nonostante il nobile intento, mentre esemplari sono le riprese di First Time Ever I Saw Your Face (classico di Ewan McColl) e di Viva La Quinta Brigada.

Quasi a volersi mettere di nuovo alla prova, Christy Moore azzarda con l'album GRAFFITI TONGUE (6), sotto molti punti di vista un’ulteriore sfida artistica. Inciso in totale solitudine con l’ausilio di chitarra e di bodhran (strumento tradizionale a percussione, da sempre passione del musicista), l'album GRAFFITI TONGUE (6) è il primo disco della carriera di Christy Moore composto di soli brani originali (in Strange Ways fa una ‘comparsa fantasma’ Sinéad O’Connor), che ribadiscono ancora una volta la grandezza del personaggio.

Le apparizioni speciali più rilevanti, oltre a quelle a fianco del fratello minore Luka Bloom, sono certamente l'album LAMENT (9), sotto l’egida della Real World di Peter Gabriel, e soprattutto l'album COMMON GROUND (11), lavoro prodotto da Donai Lunny con in session ospiti prestigiosi quali Elvis Costello, Bono & Adam Clayton, Sinaéd O’Connor e tanti altri.

 

DISCOGRAFIA DI CHRISTY MOORE:

(1) THE CHRISTY MOORE COLLECTION 1981-1991 (WEA 1991 GB) ant.

(2) Smoke & Strong Whiskey (Newberry 1991 GB)

(3) KING PUCK (Newberry 1993 GB)

(4) AT THE POINT - LIVE (Newberry/Grapevine 1994 GB) live

(5) NORTH & SOUTH OF THE RIVER (Newberry/Columbia 1995 GB) mini CD

(6) GRAFFITI TONGUE (Newberry/Grapevine 1996 GB)

 

RIFERIMENTI A CHRISTY MOORE:

(7) ELVIS COSTELLO / SPIKE (Warner Bros. 1989 GB)

(8) LUKA BLOOM / ACOUSTIC MOTORBIKE (Reprise 1992 GB)

(9) ARTISTI VARI / LAMENT (Real World 1993 GB)

(10) Boo RADLEYS / GIANT STEP (Columbia 1993 GB)

(11) ARTISTI VARI / COMMON GROUND (Premier/EMI 1996 GB)

(12) ARTISTI VARI / Now AND IN TIME TO BE-A MUSICAL CELEBRATION OF THE WORKS OF W.B. YEATES (Grapevine 1997 GB)

 

Nota: (5) a nome Christy Moore con Bono & The Edge.

In (7) suona il bodhran in Any King’s Shilling.

In(8) e in (10) partecipa a delle backing vocals.

In (9) il traditional Danny Boy. In (11) il traditional Bogie’s Bonnie Belle.

In (12) The Song Of Wandering Aengus.

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...