VAN MORRISON

VAN MORRISON FOTO

VAN MORRISON

Anche negli anni Novanta Van Morrison (n. 1945, IRL) continua a essere particolarmente prolifico, seppur con qualche momento di appannamento dopo tanti decenni di carriera. L’album ENLIGHTENMENT (2), nonostante il tono generale sia parecchio edulcorato, iniziando da un brano troppo enfatico quale In The Days Before Rock’n’Roll, presenta un paio di tracce di valore nel suo tipico stile da entertainer pop (So Quiet In Here e See Me Through).

Poco prima dell'album THE BANG MASTERS (4), antologia del periodo anni Sessanta passato alla Bang, viene pubblicato il doppio l'album HYMNS TO THE SILENCE (3), oltre venti brani che vedono Van Morrison intento a districarsi abilmente con il proprio passato e con le influenze che contraddistinguono da sempre la sua musica. L’album TOO LONG IN EXILE (6) punta l’obiettivo sulla musica nera, dove, fra abituali ballate romantiche (In The Forest) e blues canonici (Good Morning Little Schoolgirl di Sonny Boy Williamson e altre cover), risalta la presenza di John Lee Hooker, con cui esegue Wasted Years e l’adrenalinico rifacimento della classica Gloria. 

Per l'album A NIGHT IN SAN FRANCISCO (7) Van Morrison fa le cose in grande: il live, tratto da una data registrata al Masonic Auditorium di San Francisco, ha come protagonista una band di oltre dieci elementi (fra cui il pupillo Brian Kennedy e la figlia Shana) più varie leggende blues (John Lee Hooker, Junior Wells e Jimmy Whitherspoon), ed è capace di offrire un quadro generale della carriera del musicista irlandese, che indistintamente ripesca vecchi originali e nuove composizioni alternandoli a omaggi vari (dallo standard My Funny Valentine, al Bob Dylan di All Along The Watchtower, peraltro non accreditato, fino al James Brown di It’s A Man’s, Man’s, Man’s World). Il nuovo album di studio DAYS LIKE THIS (8), invece risulta un po’ monocorde negli arrangiamenti, nonostante la solita ballata capace di colpire al meglio la fantasia degli ascoltatori (Ancient Highway). Ancora un acclamato tour con la stessa band degli ultimi anni, quindi alcune date in un clima a carattere jazz, dalle quali nasce l'album How LONG HAS THIS BEEN GOING ON (9), registrato da Van Morrison nel maggio 1995 al Ronnie Scott’s Club di Londra, che poi trova appendice nell'album TELL ME SOMETHING: THE SONGS Of MOSE ALLISON (10), composto esclusivamente di brani storici a firma Mose Allison, lavori accolti in maniera piuttosto fredda dalla critica e dal pubblico. A inizio 1997 arriva l'album THE HEALING GAME (11), forse il miglior disco di Van Morrison nel decennio: uniforme nelle atmosfere, il disco si fregia di un songwriting di alto livello, che vede i momenti migliori nel ricordo dell’infanzia di Piper At The Gates Of Dawn e nell’usuale e ossessivo modo di cantare dell’artista in This Weight

 

DISCOGRAFIA DI VAN MORRISON:

(1) THE BEST Of VAN MORRISON (Polydor 1990 USA) ant.

(2) ENLIGHTENMENT (Mercury 1990 USA)

(3) HYMNS TO THE SILENCE (2CD Polydor 1991 GB)

(4) THE BANG MASTERS (Epic/Legacy 1991 USA) ant. con inediti

(5) THE BEST OF VAN MORRISON VOL. 2 (Polydor 1993 USA) ant.

(6) Too LONG IN EXILE (Exile/Polydor 1993 GB)

(7) A NIGHT IN SAN FRANCISCO (2CD Exile/Polydor 1994 GB) live

(8) DAYS LIKE THIS (Exile/Polydor 1995 GB)

(9) How LONG HAS THIS BEEN GOING ON (Exile/Verve 1995 GB) live

(10) TELL ME SOMETHING: THE SONGS Of MOSE ALLISON (Exile/Verve 1996 GB)

(11) THE HEALING GAME (Exile/Polydor 1997 GB)

 

RIFERIMENTI A VAN MORRISON:

(12) ROGER WATERS / THE WALL LIVE In BERLIN (2CD Mercury 1990 GB) live

(13) TOM JONES / CARRYING A TORCH (Dover 1991 GB)

(14) JOHN LEE HOOKER / MR. LUCKY (Pointblank 1991 USA)

(15) GEÒRGIE FAME / Cool BLUES (GO Jazz 1991 USA)

(16) ARTISTI VARI / No PRIMA DONNA: The SONGS Of VAN MORRISON (Polydor 1994 GB)

(17) Chieftains / The Long Black Veil (RCA Victor 1995 GB)

(18) John Lee Hooker / Chill Out (Pointblank/Virgin 1995 USA)

(19) John Lee Hooker / Don’t Look Back (Pointblank/Virgin 1997 USA)

(20) Artisti Vari / Sult- Spirit Of Music (Hummingbird 1997 GB)

 

Nota: (9) è accreditato a Morrison con Geòrgie Fame.

(10) a nome Morrison, Geòrgie Fame, Mose Allison, Ben Sidranin.

(12) Morrison canta Comfortably Numb e partecipa al coro di Warms & Stop.

In (13) compone e produce quattro brani: Carrying A Torch, Some Peace Of Mind, I’m Not Feeling It Anymore e It Must Be You.

In (14) canta I Cover The Waterfront.

In (15) una versione di Moondance.

(16) è interamente prodotto da Morrison.

In (17) canta Have I Told You Lately That I Love You?

In (18) canta nel medley Servers Me Right To Suffer /Syndicator.

In (19) produce l’album e canta The Healing Game e Don’t Look Back.

In (20) una nuova versione di Saint Dominic’s Preview.

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...