TEARS FOR FEARS

TEARS FOR FEARS FOTO

TEARS FOR FEARS

Benché nel corso degli anni Ottanta abbiano inciso tre soli album, i Tears For Fears rappresentano un elemento di rilievo nel pop inglese del decennio. Il leader Roland Orzabal non fa mistero di puntare al controllo totale della direzione artistica della band, cosa che gli riuscirà solo nel 1991, quando il collega Curt Smith, sarà, con le buone o con le cattive, allontanato dal gruppo.

L'album THE HURTING (1) del 1983 ancora non chiarisce l’originalità di Roland Orzabal, troppo immerso nell’atmosfera pop elettronica del periodo, ma già l'album SONGS FROM THE BIG CHAIR (2), contenente gli hit Shout e Everybody Wants To Rule The World, apre a quel mondo visionario che ammicca tanto alla psichedelia degli anni Sessanta quanto al pop degli Ottanta. Caratteristica del gruppo (anche soggetta a molte critiche) sino a metà degli anni Novanta, sarà quella di usare una strumentazione quasi completamente elettronica e una tendenza quasi maniacale alle sovraincisioni, limitando la freschezza e la spontaneità dei suoni. L'album dei Tears For Fears THE SEEDS OF LOVE (3), dopo ben quattro anni di distanza, propone un viaggio verso atmosfere più romantiche e intimiste, ma risulta appesantito da una superproduzione in chiave barocca. I brani, infatti, sono cuciti uno all’altro nel tentativo di fare un’unica, ambiziosa suite. 

Rimasto come one-man band, Roland Orzabal incide l'album ELEMENTAL (5), dove le atmosfere musicali rimangono quelle degli ultimi due lavori dei Tears For Fears pur senza l’eccesso di produzione dell'album THE SEEDS OF LOVE (3). Rimane costante l’infatuazione del musicista verso gli anni Sessanta, con i rispettivi tributi a Beach Boys (Brian Wilson Said) e Beatles (Sowing The Seeds Of Love). Ci vogliono altri due anni perché Roland Orzabal pubblichi la sua opera più ambiziosa, quell'album RAOUL AND THE KINGS OF SPAIN (6) dedicato ai suoi antenati arabospagnoli, forse il suo tentativo più riuscito di concept album, nel senso più vero del termine, e il primo disco che usa una serie completa di musicisti senza sovraincisioni elettroniche. L'album SATURNINE MARTIAL & LUNATIC (7), infine, è una raccolta di B-sides e out-takes, tra cui una cover di Robert Wyatt (Sea Song) e una di David Bowie (Ashes To Ashes, precedentemente pubblicata su una compilation del periodico inglese New Musical Express).

Nell'album THE SEEDS OF LOVE (3) e nell'album RAOUL AND THE KINGS OF SPAIN (6) appare come vocalist Oleta Adams, cantante soul scoperta da Roland Orzabal che ne produce (suonando in quasi tutti i brani) il disco di esordio, CIRCLE OF ONE (9), che ne farà un apprezzata interprete di soul-pop adulto. A oggi Curt Smith ha prodotto solo l'album SOUL ON BOARD (8), disco di soul-pop tendente alle vecchie atmosfere del suo ex gruppo.

 

DISCOGRAFIA DI TEARS FOR FEARS:

(1) THE HURTING (Mercury 1983 GB)

(2) SONGS FROM THE BIG CHAIR (Mercury 1985 GB)

(3) THE SEEDS OF LOVE (Fontana 1989 GB)

(4) TEARS ROLL DOWN (GREATEST HITS 82-92) (Fontana/Mercury 1992 GB) ant.

(5) ELEMENTAL (Mercury 1993 GB)

(6) RAOUL AND The KINGS OF SPAIN (Epic 1995 GB)

(7) SATURNINE MARTIAL & LUNATIC (Fontana 1996 GB)

 

Curt Smith

(8) SOUL On BOARD (Mercury 1993 GB)

 

RIFERIMENTI A TEARS FOR FEARS:

(9) OLETA ADAMS / CIRCLE OF ONE (Fontana 1990 GB)

 

Nota: (4) contiene un brano inedito, Laid So Slow (Tears Roll Down).

 

FORMAZIONE DI TEARS FOR FEARS:

Roland Orzabal: v, ch / Curt Smith: v, bs (1-4) / Alan Griffiths: tas, ch (5-6) / Gail Ann: bs (6) / Brian McLeod: bt (6).

 

Tears For Fears, Tears For Fears album, Tears For Fears video, Tears For Fears musica, Tears For Fears band, Tears For Fears cd, Tears For Fears discografia, Tears For Fears canzoni, Tears For Fears gruppo, Tears For Fears dischi, Tears For Fears rock, Tears For Fears live, Tears For Fears foto

I PIU' LETTI

More Articles

 BRYAN ADAMS II grande successo che Bryan Adams (nato nel 1959, CAN) si e` costruito durante gli anni Ottanta, risulta ancora piu` eclatante all`alba...

‘WEIRD AL’ YANKOVIC Alfred Matthew Yankovic (n. 1959, USA) diventa ‘Weird Al’ nel 1979, quando accompagnandosi alla fisarmonica propone la parodia del...

10,000 MANIACS / NATALIE MERCHANT Le ultime pubblicazioni dei 10,000 Maniacs prima dello scioglimento ufficiale, datato 1993, sono all’insegna della...